«

»

mag 02

Stampa Articolo

81° Comitato Centrale

81° COMITATO CENTRALE SNA
Sna finanziariamente solido, a difesa dell’autonomia e della libertà professionale degli Iscritti

Sotto la presidenza di F. Procopio, coadiuvato dal vice presidente S. Sterbini e dal segretario S. Salvi, si sono aperti i lavori dell’ottantunesimo Comitato Centrale SNA, a Ferno (VA). Dopo il sentito ricordo del collega Eugenio Nardelli, recentemente scomparso, è stato approvato il verbale del Comitato precedente, tenutosi il 14 e 15 aprile 2016.
Punto centrale dell’o.d.g. del Comitato Centrale è stato l’approvazione del bilancio consuntivo 2016 e preventivo 2017. Lo SNA ha sempre considerato prioritario riequilibrare i propri conti, agendo sulle inefficienze, ammodernando compiti e procedure, attuando una forte opera di contenimento dei costi. Il bilancio consuntivo 2016 evidenzia i risultati ottenuti, presentando un utile vicino ai 300.000 euro prima delle imposte e degli accantonamenti.
Sna ha così ritrovato quella solidità economica che permette di guardare ad un futuro che impone la massima attenzione alle problematiche della categoria, che potranno essere affrontate con la necessaria determinazione.  
“Il Congresso Nazionale di Chia Laguna ha registrato quasi il 90% di presenze, frutto del senso di appartenenza che gli Associati seguitano a dimostrare, in controtendenza con la generalizzata crisi dei valori dell’associazionismo”.
Dopo le risultanze congressuali, il nuovo Esecutivo Nazionale si sta già attivando sui fronti dei quali era stata sottolineata l’importanza nella relazione conclusiva e che erano stati ripresi quali punti programmatici per il nuovo mandato: 

  • contributo ai lavori di recepimento della nuova Direttiva Europea sulla Distribuzione per consolidare la centralità della figura degli agenti anche nell’interesse dei consumatori
  • riaffermazione del diritto di preservare le prerogative professionali dell’agente, respingendo al mittente tutte le soluzioni potenzialmente in grado di ridimensionarne il ruolo e la centralità nel rapporto impresa-cliente
  • unità della categoria, da realizzarsi esclusivamente attraverso il rientro in SNA di chi ne è fuoriuscito
  • aumento delle tabelle provvigionali per un recupero immediato della redditività delle agenzie, avendo i sistemi cosiddetti variabili mostrato tutti i loro limiti nel garantire agli agenti serenità e stabilità
  • difesa in ogni sede della libertà organizzativa, commerciale, gestionale, operativa e decisionale – che trova riscontro anche nell’art. 17 della IDD – degli agenti
  • difesa della titolarità dei dati dei clienti e della libertà di costituire un database agenziale, di proprietà ed esclusivo utilizzo dell’agente
  • contrasto costante a qualsiasi tentativo delle mandanti di fare pressioni ed imporre illegittimi obblighi di fedeltà forzata ed esclusiva di fatto
  • opposizione alle clausole vessatorie contenute nei mandati, contrarie allo spirito dell’attuale impianto normativo ed europeo, al fine di vedere proclamata la nullità di tali pattuizioni
  • opposizione alle procedure ispettive messe in atto dalla compagnia, ispirate a logiche inquisitorie
Il Comitato Centrale ha inoltre approvato  il bilancio di previsione per il 2017.

Permalink link a questo articolo: http://www.snaasti.it/2017/05/3248/